giovedì 15 ottobre 2015

Da Aquilas ad Almerimar

OFinalmente in serata il vento cala, dopo una buona pasta andiamo a letto presto, alle 4 si salpa.
Usciamo dal porto di Aquilas con un buio pesto, ci accompagnano solo poche stelle e qualche fulmine di un temporale lontano sul mare.
Più navighiamo verso Ovest più il chiarore dell'alba si attarda, sembra che il sole non voglia sorgere mai.
Con poco vento ci avviciniamo al famigerato Cabo de Gada.
Poche miglia prima del capo il vento aumenta fino a 10 nodi ma il mare si riempie di ochette: è la corrente che spinge in direzione contraria al vento.
Ci teniamo radenti al capo con un passaggio da brivido in 5-7 metri d'acqua, così riusciamo ad evitare il vento e l'onda contrari.
Ci godiamo il passaggio del capo che offre scorci davvero sorprendenti per la loro bellezza.
Anche Cabo de Gada è sulla poppa, cominciamo a sentire il profumo dell'oceano e brindiamo con un ottimo nero d'Avola!
Attraversiamo il golfo di Almeria con un lungo bordo di bolina e ce la godiamo finché il vento, tanto per cambiare, ci gira dritto sul naso.
15....20...23 nodi, via il genoa, via la randa, arranchiamo contro vento e onda.
Così dalle 4 del pomeriggio alle 9 di sera quando ormeggiamo ad Almerimar

Nessun commento:

Posta un commento